Vanda Sarteur

Pittrice e artista

OPERE IN PERMANENZA ALL’ART GALLERY “MAISON BLEUE” DI BARD (VALLE D’AOSTA)                                                                                                                                                                                                     Sono nata e cresciuta a Montjovet in Valle d’Aosta, un piccolo paese al quale sono stata sempre fiera di appartenere, con la gente legata alle sue tradizioni contadine e semplici che hanno il sapore del buon vino e l’odore del pane. Un paesaggio di vigneti, campi, pascoli e boschi che mi hanno da sempre ispirata nelle mie creazioni con le tecniche più diverse che l’arte mi ha permesso di esprimere.
Nel mio lavoro ho approfondito la pittura con maestri come Giuseppe Tecco, Gabriel Girardi, Adelma Mappelli e Pasqualino Fracasso ed anche con artisti internazionali come il cinese Chien Chung Wei e l’inglese David Poxon nonchè il pakistano Ali Abbas Sayed.
Faccio esposizioni personali e collettive sin dagli anni ottanta sia in Italia che all’estero: Aosta, Milano, Viareggio, Spoleto, Ivrea, Biella, Benevento, Velletri, Pescara, Pineto, Chieti, Stupinigi, in Francia, Inghilterra e Brasile.
Durante il mio percorso artistico ho ottenuto dei riconoscimenti che mi hanno incoraggiata a proseguire nella mia passione con spirito di crescita ed inovazione inserito nella grande tradizione figurativa della Valle d’Aosta.

ATTIVITA’ ESPOSITIVA:
dal 1986 a tutt’oggi collettive in Italia ed all’estero come Aosta, Milano, Biella, Ivrea, Chieti, Carignano, Velletri,
Pescara, Pineto, Viareggio, Spoleto, Benevento, Stupinigi. In Francia, Inghilterra e Brasile.
Dal 1991 ad oggi decine di personali in varie località in Italia.
Di seguito indico le più significative:
……. 3° Mostra personale alla Galleria della Bib.di Chatillon “Paesaggi interiori” con poesie HAIKU di O. Ferrando.
2000 Illustrazione libro poesie “Una parte di vita” di M.Elisabetta Vuillermoz.
2005 8° Mostra personale alla Torre dei Signori di Aosta.
2009 Collettiva con artisti Piemontesi alla Chiesa S.Michele di Montà d’Alba.
2009 Collettiva con artisti Piemontesi alla Sala Vianzone di Torino.
2013 .2014.2015.2016.2017.2018 Collettiva al Salon de Peinture di Moutiers (Francia).
2014 15° Mostra personale alla Casa Challand di Bard.
2015 16° Mostra personale alla Galleria San Grato di Aosta
2015 Collettiva con artisti Brasiliani a Recife, Brasile.
2015 Segnalazione con diploma di merito premio Iside di Benevento.
2015 Collettiva al Festival dell’Arte e della Cultura di Spoleto.
2016 .2017.2018 Collettiva al Salon de l’Acquarelle di Uckange        2016 Menzione per l’acquarello a Moutiers (F)                                                2017 Collettiva alla Palazzina di Caccia di Stupinigi.
2017 Collettive tour: Velletri, Pescara, Pineto e Chieti.
2017 21° Personale alla Galleria “Maison Bleue” di Bard
2017 Collettiva alla Sala Mostre della Biblioteca di Carignano (T0) 2018 Premio gemellaggio Verrès – Moutiers (F)                                    2018 Personale all’Art Gallery Maison Bleue di Bard mese di agosto

DICONO DI ME:
La pittura di Vanda Sarteur appare in prima istanza come un inno alla sua terra, come un paesaggio del cuore …. La cifra stilistica della sua fase paesaggistica riflette la femminilità dell’artista, la sua sensibilità di donna nell’interrogare la Natura…
Professore Sandro Di Tommaso

…Legata sentimentalmente alla sua terra, trae tutt’oggi lo spunto con ispirazione ed entusiasmo, per raggiungere una poetica personale attraverso una pittura naturalistica ed atmosferica. Le sue immagini dal vero o riattinte dal profondo della memoria, rese su una tastiera cromatica di tonalità calde e fredde in un gioco vivace e sapiente , vanno al di là di ogni limite di tempo e di luogo…
Maestro Gabriel Girardi

Vanda si è nutrita dei colori e dei profumi di una natura carica di emozioni che lei ha sempre desiderato trasferire sulle tele per perpetuare attraverso un utilizzo sapiente dei colori il ricordo e la memoria.
Capace di sintetizzare con la sua sensibilità la natura della dimensione in cui vive, Vanda crea dipinti carichi di armonici colori, che si fondono nei contorni essenziali dei soggetti da fissare permanentemente sulla tela o sulla carta.
Testo critico del Presidente onorario dell’Associazione Artisti Valdostani, Antonio Vizzi.

La tecnica acquarellata tipicamente applicata da Vanda Sarteur consente allo spettatore di percepire in ogni chiazza di luce un’emozione intensa vissuta e provata dall’artista, che cerca di eternare sul supporto pittorico. Originale la cromia utilizzata ed applicata, che ricorda quella dei primi decenni dell’800 francese, generalmente composta da tonalità quasi pastello, e da armonici accostamenti e sfumature.Ogni tocco è la pergamena della sua vita, ogni sfumatura l’inchiostro con il quale scrivere pagine di sensazioni ed emozioni, e l’universo il perno che contiene ogni sua creatura…    Testo critico del dott. Alessandro Costanza, critico e storico dell’arte.

La contemplazione della natura nell’arte di Vanda Sarteur rivela una profonda sensibilità e un’intensa partecipazione. Questi suoi lavori catturano scorci di un mondo onirico: i toni sono vivi e intensi nell’evocazione di una natura in rigoglio e traboccante di energie vitali con cui connettersi. Un viaggio attraverso territori sconosciuti, significative allusioni visive che si dissolvono in una riflessione intimistica, per diventare luoghi dell’anima.                        Paolo Levi

Connect